mercoledì 31 agosto 2011

073 - Il linguaggio di AoR / 2

Seguito del post che trovate qui.

PUTRAZZU (PUTRAZZO) = dal dialetto calabrese, aggettivo che generalmente indica una ragazza (o più raramente un ragazzo) dalle scarse doti estetiche, mal vestita e grezza. E' sinonimo di "cesso", ma ancora più dispreggiativo. Il putrazzo medio è ignaro della propria condizione, anzi spesso si crede la più figa. - es. "jaràmisè chi putrazzu killa, un m'ha chiavassi mancu via wireless"

SCALA VON FICKN (DONNE) = proposta di classificazione delle donne esclusivamente in base all'aspetto estetico. La scala Von Fickn contempla quattro livelli: "cessoide", "non pisellabile", "pisellabile" e categoria fuori-concorso "Dea". Questi livelli sono molto soggettivi e non solo variano da uomo a uomo, ma anche in base a due parametri quali "tasso alcolemico nel sangue" e "tempo intercorso dall'ultimo rapporto sessuale" (secondo la legge non-scritta: "le brutte servono per fare esperienza"). Le "cessoidi" sono quelle donne che davvero pochi uomini (coraggiosi come William Wallace, affamati come Tazmania o ciechi come Stewie Wonder) riescono ad avvicinare. Le "non pisellabili" possono diventare magicamente "pisellabili" se si è ubriachi o se non si vede una figa da quando si è nati. Le "pisellabili" sono la maggiorparte delle donne sulla Terra. La categoria fuori-concorso "Dea", invece, si riferisce a quelle donne che inducono inconsciamente gli uomini a restare imbambolati, a nitrire o a porsi la domanda "ma esisti davvero, dolce creatura?" quando gli passano davanti.

SCALA VON FICKN (UOMINI) = proposta di classificazione degli uomini esclusivamente in base all'aspetto estetico. Essendo gli uomini o belli o brutti senza nessuna particolare sfumatura intermedia, la Scala VOn Fickn implica soltanto due livelli: i "vaginabili" e i "non vaginabili". Agli occhi della donna comune, l'appartenenza di uomo ad uno dei due è molto influenzata da parametri esterni quali: sicurezza di sè, denaro, potere, capacità di mentire, stronzaggine congenita, stupidità, capacità di manipolarlo a proprio piacimento, tendenza a farle da schiavetto.

CACIOFFU (CARCIOFO) = manufatto magico, presumibilmente di forma fallica e/o assimilabile all'organo genitale maschile. Kasuro San sostiene vigorosamente che l'uomo lo debba dare alla donna con violenza e senza neanche dirle "ciao". es. "Zio Alfrè.. cu killa mica ce parri, ma ce và direttamente e cacioffu"

FANTASPRUZZETTE = gioco di fantasia da svolgersi tra amici, consistente nell'organizzare e gestire squadre virtuali di spruzzette. Vince chi arruola nella propria squadra le spruzzette che presumibilmente hanno fatto più brutto a livello sessuale nella settimana appena trascorsa. (vedere prima parte per la definizione di "spruzzetta")

Nessun commento:

Posta un commento